universita cattolica del sacro cuore

Blockchain, arriva la prima scuola per imprenditori e manager

La Blockchain School, promossa da CeTif dell'Università Cattolica e Reply, punta alla formazione sulla tecnologia decentrata per le transazioni elettroniche

Area tematica: Organizzazione, IT, Operation & HR - Audit, Compliance & Legal - Risk Management - Digital, Innovazione, Marketing E Canali - Business Process - Finanza e Servizi d'Investimento
Data pubblicazione:13/12/2018

Il Blockchain Executive Program, prima iniziativa della School, inizia nelle prossime settimane e i partecipanti saranno Digital officers, Technology officers, Innovation officers, ma anche Senior manager di diverse funzioni aziendali (Marketing, Operations, risorse umane, Compliance, legale, Information Technology, Business and Product Development), e singoli professionisti impegnati su progetti Blockchain.

DESCRIZIONE

«Affinché le opportunità d’innovazione che derivano dalla Blockchain si traducano effettivamente in vantaggio competitivo per le imprese, è indispensabile che i singoli e le aziende acquisiscano nuove conoscenze e competenze in materia», rimarca Federico Rajola, direttore del CeTif: «per questo abbiamo creato la Blockchain School, un insieme di iniziative formative che ci porteranno a formare professionisti capaci di interpretare i cambiamenti di questa innovazione dirompente». partecipanti al corso «avranno l’opportunità di conoscere di persona Visiting professor di alcune delle più importanti Università europee, tra cui Goethe University e la London School of Economics, Speaker internazionali e professionisti che condivideranno la loro esperienza sul mondo Blockchain», anticipa il direttore del CeTif.Sono ancora pochi, a livello internazionale, i progetti già operativi, che coinvolgono principalmente banche, distributori di energia, produttori del settore agroalimentare. Puntano alla gestione degli scambi e del credito di filiera, alla tracciabilità delle operazioni e alla condivisione di documenti e informazioni. La maggior parte delle applicazioni è in fase di sperimentazione, in una fase che è ancora esplorativa, caratterizzata da grande fermento ma ancora poca concretezza. Stefano Casini - Corriere.it

DOCUMENTI CORRELATI

Rassegna Stampa
di Corriere.it
Scarica il documentovisualizzadownload